“Arte da Gustare” La Città Invisibile si mostra – II^ edizione

Durante lo StreetFood Village dal 27 al 29 Maggio, ma anche nelle serate estive che accompagneranno le magiche serate di InSantorsola (Giardini di Sant'Orsola dal 15/06 al 03/08/), il laboratorio del Consorzio "La Città Invisibile", giunta al suo secondo anno di vita, vi accompagnerà alla riscoperta del patrimonio della città con il motto:

"Arte da Gustare"

MG1posto che prenderà avvio proprio durante la manifestazione gastronomica in Piazza San Francesco.

In occasione dell’evento organizzato dal Consorzio Santa Trinita con la presenza degli stand di Street Food in piazza del San Francesco, nei giorni 27, 28 e 29 Maggio 2016, sarà possibile effettuare delle visite guidate ad alcuni luoghi di grande valore storico-artistico della zona adiacente alla manifestazione.

I partecipanti alla manifestazione potranno fare due viaggi: un primo, geograficamente ampio, nelle eccellenze della cucina italiana, grazie ai prodotti offerti dagli stand di Street Food ed un secondo geograficamente molto limitato, ma temporalmente lunghissimo, poiché avranno modo di scoprire tesori artistici dal Medioevo al Novecento tutti concentrati in un territorio molto ristretto.

Ad illustrare le bellezze di alcuni di questi luoghi ci saranno, tra gli altri, guide straordinarie, ovvero gli studenti che ogni giorno vivono il Collegio Cicognini come loro luogo di studio e di crescita.

Per le informazioni necessarie per l'accesso ai siti, alcuni con visita gratuita, altri con sconto potrete rivolgervi all'area ospitalità del Consorzio Santa Trinita in Piazza San Francesco durante lo StreetFood.

Si ringrazia particolarmente Artemia nella persona della Dott. Veronica Bartoletti per l'assistenza al progetto e l'Arch. Irene Centauro per la cura della parte grafica.

Luoghi con visite guidate:

MS!Collegio Cicognini e Oratorio del Pellegrino

Il convitto nazionale statale Cicognini è il più antico istituto scolastico di Prato. La sua origine risale al1692, per opera dei padri Gesuiti, in seguito al lascito del canonico Francesco Cicognini. L'enorme edificio del Convitto venne progettato dal gesuita Giovan Battista Origoni. L'atrio e il portale d'ingresso furono costruiti dall'architetto pratese Giuseppe Valentini. Al suo interno sono interessanti il refettorio, affrescato da Giacinto Fabbroni nel 1754 con scene tratte dalla Bibbia, la cappella settecentesca ed il teatro. Lo storico istituto ha ospitato tra i suoi studenti più illustri, Gabriele d'Annunzio, Curzio Malaparte, Bettino Ricasoli, Cesare Guasti, Sem Benelli e Giuseppe Mazzoni.

Luoghi visitabili: Teatro, Refettorio, Cappella e Oratorio del Pellegrino

Orario: dalle 15.00 alle 20.00 ingresso ogni ora

Modalità: visita guidata di 45 minutic Costo: offerta libera

Chiostro della Chiesa di san Francesco e Cappella MiglioratPiazza san Francesco, 10MS2

Il chiostro, quadrangolare è la prima architettura pienamente rinascimentale nel territorio pratese, progettato per volere del Ceppo di Francesco Datini tra il 1438 e il 1440. Lungo le pareti sono tutta una serie di lapidi sepolcrali e stemmi, dal XV al XIX secolo, con decorazioni ottocentesche. Nel lato orientale si trova la Cappella Migliorati, o Sala del Capitolo con bellissimi affreschi realizzati per volontà della famiglia Migliorati dal fiorentino Niccolò Gerini fra il 1395 e il 1400.

Luoghi visitabili: Chiostro e Cappella Migliorati  Orario: dalle 15.00 alle 19.00 ingresso ogni ora Modalità: visita guidata di 45 minuti Costo: offerta libera

MS3Museo di Palazzo Pretorio

Piazza del Comune,

Il palazzo nacque a cavallo del XIII e XIV secolo dalla fusione di tre palazzi distinti, dalla cui trasformazione vennero creati i locali per ospitare le sedi del Podestà, della magistratura locale e delle prigioni. I diversi materiali da costruzione usati nei distinti edifici ci permettono ancora oggi di distinguere le sagome delle torri primitive. Al suo interno oggi ha sede il Museo di Palazzo Pretorio che raccoglie una nutrita collezione di opere dal medioevo all’età contemporanea con illustri nomi quali: Giovanni da Milano, Filippo e Filippino Lippi, Lorenzo Bartolini e Jacques Lipchitz. All’interno del Museo ha sede, attualmente, la mostra temporanea All’ombra degli Etruschi

Luoghi visitabili: collezione permanente e mostra temporanea Modalità: visita autonoma Costo: biglietto ridotto presentando il coupon della manifestazione

MS4Museo del Tessuto

Via Puccetti, 3

Il primo nucleo del museo fu costituito nel 1975 grazie alla donazione di tessuti da parte di un collezionista privato all'Istituto Tecnico Industriale Tullio Buzzi, scuola per la formazione di periti chimici, tessili e meccanici. La scuola ha ospitato le collezioni fino al 1997 quando venne inaugurata la nuova sede di piazza del Comune dove il museo ha svolto la sua attività fino ad aprile 2003 quando si è trasferito presso l'ex cimatoria Campolmi, una delle fabbriche più antiche del Comune di Prato, sviluppatasi nell'Ottocento intorno a un mulino già esistente nel Quattrocento e uno dei più importanti esempi di archeologia industriale in Toscana. L'arte della lavorazione tessile è documentata dall'era paleocristiana fino ai nostri giorni nelle varie tecniche di esecuzione, per un totale di circa seimila reperti. Completano il patrimonio del museo un fondo librario, una collezione di figurini di moda dell'800, macchinari, campionari di chimica tintoria e strumenti di preparazione alla tessitura di varia epoca.

Luoghi visitabili: collezione permanente e mostra temporanea modalità: visita autonoma Costo: biglietto ridotto presentando il coupon della manifestazione

MS5Museo dell’Opera del Duomo e Affreschi di Filippo Lippi in Cattedrale

Piazza Duomo, 49

Il Museo dell’Opera del Duomo nasce nel 1967 per ospitare opere provenienti dall’intera diocesi e i prestigiosi rilievi del pulpito di Donatello. La raccolta si configura come vero tesoro da scoprire tra paramenti sacri, tele, tavole e ambienti di grande fascino come le “Volte” sotto il transetto della cattedrale, ed il chiostro romanico. Completa la visita la suggestiva bellezza il ciclo di affreschi di Filippi Lippi in Cattedrale con le Storie di santo Stefano e san Guovanni Battista realizzate tra il 1452 ed il 1465.

Luoghi visitabili: Museo dell’Opera del Duomo e Affreschi di Filippo Lippi in Cattedrale modalità: visita autonoma Costo: biglietto ridotto presentando il coupon della manifestazione

Written by: