Il Consorzio Santa Trinita dunque apre i Giardini di sant’Orsola #insantorsolalight ed il Complesso di San Domenico #insandomenico per la sola parte culturale.Il Giardino che solitamente chiude alle 21:00, dal martedì a venerdì chiuderà più tardi con una rivisitazione dell’illuminazione per consentirne la godibilità, magari per il consueto aperitivo diffuso.

Il Giovedi, invece, abbiamo pensato di organizzare qualcosa in più. Un’intervista con personaggi di spicco in città in attesa del Teatro, appunto con: "In attesa delle stelle...” con Davide Del Campo/Gianni Bianchi (Festival delle Colline): 

e poi il Teatro grazie a STA, Teatro All’Incontro e sarà di scena l’"Uomo Tigre", Spettacolo ormai CULT perfetto per figli, padri, zii, mamme, nonni, nipoti e cugini.

Il tutto chiedendo il rispetto del distanziamento sociale, ovviamente, con plaid usa e getta, con un piccolo bar gestito da esercenti della zona.
Una versione Light, probabilmente meno colorata ma sicuramente ricca di significato.

(Fare teatro è arte molto antica ed ha i suoi Dei, i suoi Demoni, le sue regole mai svelate. In questa produzione di Guascone Teatro si assiste alla rivolta di due “personaggi” che con le 100 repliche dello spettacolo LISCIAMI avevano fatto ridere e sognare pubblico e critica. Adesso IL BABBO ed ORESTE pretendono uno spazio tutto loro. Ecco che in una notte insonne due umanità opposte si confessano in modo comico e “squassevole”. Ecco che due eroi del liscio, due pensionati della sagra, due giramondo, arrivano alla vecchiezza con decisioni opposte. I due personaggi si alternano, si sfidano in un ritmo sempre più incalzante, sono reali e credibili fino all’indicibile. Lo spettacolo, con una comicità potentissima quanto poetica, regala al pubblico una grande riflessione sulla vecchiaia. In una notte potrete sentire sulla pelle le folli conclusioni di chi ha vissuto senza mai tirarsi indietro da vizi, facili seduzioni e giudizi avventati. Un gioco molto allegro e sarcastico sulla provincia italiana e sull’essere padri con in cuore l’incertezza di un secolo imbarazzante e in pancia il sentimento di essere imbattibili come l’UOMO TIGRE. Spettacolo ormai CULT perfetto per figli, padri, zii, mamme, nonni, nipoti e cugini)