guarda il Video di TVPRATO

guarda il Video di TOSCANATV

vai alla rassegna stampa  http://www.consorziosantatrinita.it/?p=1257

COMUNICATO STAMPA 27/02/2015

LA CITTA' INVISIBILE: IL LABORATORIO

A completamento del lavoro del Consorzio Santa Trinita, iniziato quasi circa due anni fa è nato un Laboratorio con l’idea della valorizzazione dell’identità territoriale, così come rivelatasi a seguito o comunque durante l’azione dell’associazione, diretta alla riqualificazione e rivitalizzazione di un importante quartiere del centro storico.

 

Consorzio Cibo Cultura
Consorzio Cibo Cultura

La constatazione, da una parte, di una vocazione enogastronomica del quartiere, caratterizzata anche da una connotazione multietnica che si affianca a quella più tipicamente toscana.

Dall’altra, della rilevante impronta storica degli edifici e del patrimonio culturale che identifica da sempre fortemente il quartiere.

Da qui la volontà del Consorzio Santa Trinita di tradurre tutto questo in un progetto unitario che punti, in chiave dinamica e tecnologicamente avanzata, a congiungere le due anime in quello che è stato denominato delle “Tre C: Consorzio (il modello di riqualificazione urbana) Cibo (la vocazione del quartiere) e Cultura (la sua storia) per il quale è stato creato un Log
o
che accompagnerà i vari eventi associati.

logo 1 SfUn percorso enogastronomico che a partire dalla manifestazione Street Food del 22-23-24 Maggio 2015 ci accompagnerà alla riscoperta della “La Città Invisibile” sino a Natale 2015 per lasciare alla città qualcosa di importante.

 

Un Laboratorio, quello della “CITTA INVISIBILE”, dunque, da cui fare scaturire il motore trainante del rilancio della valorizzazione del della zona, convinti che la conoscenza dei luoghi porti necessariamente all’amore per questi.

Il punto da cui partire è creare nell’immaginario collettivo l’idea di una “scoperta” di una città antica, totalmente sconosciuta che emerge improvvisamente attraverso il progetto, destinato dunque a creare una nuova vocazione, quella turistica.

Il tutto con la dovuta attenzione a importanti strutture che insistono nel quartiere, ma di cui resta comunque ignota l’effettiva percezione da parte non solo dei nostri concittadini, ma anche dei potenziali visitatori del nostro centro storico.

Entreremo nelle case, nelle cantine e nei garages; chiederemo ai nostri numerosi partners, che hanno aderito sin da subito all’iniziativa, di mettere a disposizione luoghi od oggetti, non attualmente godibili al pubblico.

Il tutto verrà poi tradotto su formati dinamici: dalle presentazioni accattivanti con video inediti (tramite droni), alle più classiche brochure (o altre pubblicazioni web e stampa), sino al posizionare QR-CODE lungo i percorsi individuati, di cui di seguito daremo già una traccia.

Sarà così possibile non solo percorrere le nostre strade entrando nei musei, ma tutto il quartiere diventerà oggetto di esplorazione e di interesse.

Ciò avverrà grazie al coinvolgimento, oltre che di professionisti che accompagnano il progetto (fotografo, storici dell’arte, esperti di comunicazione e di formati innovativi) anche dalla partecipazione dei cittadini, delle Associazioni sul territorio e delle scuole, con le guide del Cicognini e di San Niccolò oltre agli studenti di design e marketing della New Haven University di Piazza San Francesco.

Passeggiate alla scoperta della città invisibile, con pit-stop enogastronomico negli esercizi convenzionati del quartiere o visite guidate ai singoli monumenti.

Si ringrazia intanto gli autorevoli Partners che hanno già manifestato il loro interesse e l’adesione al progetto: ARCHIVIO DI STATO DI PRATO, ASSOCIAZIONE AMICI DELLA BIBLIOTECA RONCIONIANA, CONVITTO NAZIONALE STATALE CICOGNINI, FONDAZIONE CASA PIA DEI CEPPI, FONDAZIONE CONSERVATORIO SAN NICCOLO’, FONDAZIONE MUSEO DEL TESSUTO, ISTITUTO DI STUDI STORICI POSTALI, UNIVERSITY OF NEW HAVEN TUSCANY CAMPUS.

Fra i promotori del Laboratorio “LA CITTA INVISIBILE” si ringrazia l’associazione ArteMia in persona di Veronica Bartoletti, la Prof. Maria Rodighiero, la Prof. Alessandra Sarti, il Circolo Letterario Pasolini, la Dott.ssa Melania Pellicciari, l’Avv. Massimiliano Lombardi, lo Studio Fotografico Lani, la Stratos  s.p.a. nella persona del Dott. Matteo Nincheri.

HDIl Laboratorio rimane aperto ad ulteriori contributi e collaborazioni

Francesco Querci

(presidente)